Insalata di alghe wakame, fonte foto Bigstock

Alghe, il superfood del 2024: come inserirle nella dieta quotidiana

Prova i più sorprendenti cibi del futuro: unisciti alla rivoluzione!

E se vi dicessimo che le alghe commestibili hanno conquistato nel 2024 il titolo di superfood dell’anno? Proprio così: grazie ai loro numerosi aspetti benefici per la salute dell’uomo questo alimento poco tipico della cucina tradizionale italiana ha iniziato a guadagnarsi sempre più spazio nei nostri menù.

Che si parli di alghe verdi, rosse o brune, poco importa. Nonostante l’iniziale barriera culturale – come spesso accade anche per il consumo di insetti commestibili -, l’inserimento delle alghe nella cucina occidentale e l’interesse nei loro confronti sta crescendo sempre di più, al punto da essere considerate il superfood per eccellenza del momento. E le ragioni sono davvero molteplici.

Cosa sono le alghe

Alghe commestibili, immagine di repertorio: fonte foto Pixabay
Alghe commestibili, immagine di repertorio: fonte foto Pixabay

Le alghe sono organismi fotosintetici che vivono principalmente in ambienti acquatici. Possono essere sia microscopiche (come il fitoplancton) che macroscopiche (come le alghe marine). Esistono vari tipi, inclusi alghe verdi, rosse e brune, ognuna con caratteristiche uniche.

Un discorso a parte va fatto per le alghe alimentari, varietà di alghe commestibili utilizzate in cucina per il loro valore nutrizionale e i benefici per la salute. Sono ricche di vitamine, minerali, proteine e fibre. Comunemente utilizzate nelle cucine asiatiche, si trovano in diverse forme e sapori, come nori, wakame, kombu e spirulina. Queste alghe non solo arricchiscono i piatti, ma apportano anche proprietà benefiche, tra cui miglioramento della salute tiroidea e supporto al sistema immunitario.

Perché mangiare alghe

Perché mangiare alghe, insalata: fonte foto Bigstock
Seaweed salad in ceramic bowl and wooden chopsticks. Rotating bowl with delicious seaweed salad, a plate with various herbs and red hot peppers, a gravy bowl with soy sauce. Concept of seafood dishes

Utilizzate per migliaia di anni in diverse culture, soprattutto in Giappone, Corea e Cina, le alghe hanno conquistato negli anni più recenti una grande importanza a livello internazionale come superfood grazie al loro incredibile profilo nutrizionale.

Le alghe offrono una combinazione unica di nutrienti benefici per la salute, che possono migliorare diversi aspetti della dieta e del benessere generale. Incorporarle regolarmente nella dieta può portare a numerosi vantaggi per la salute a lungo termine.

Questo speciale alimento si presenta ricco di vitamine (come vitamina A, C, E, K e alcune del gruppo B), minerali (come calcio, magnesio, ferro e iodio), proteine di alta qualità e fibre. Questi nutrienti sono essenziali per il buon funzionamento del corpo umano. Le alghe, inoltre, tendono ad essere povere di calorie, ma ricche di nutrienti, e questo indubbiamente le rende una scelta ideale per chi vuole mantenere il peso o seguire una dieta equilibrata.

Tutto ciò porta a numerosi e sorprendenti benefici per la salute grazie alle loro eccellenti proprietà anti infiammatorie e antiossidanti, con un particolare occhio di riguardo anche alla salute cardiaca. Non meno importanti, poi, i benefici ambientali dal momento che la loro coltivazione richiede meno risorse e spazio rispetto alla carne e ad altri alimenti, rendendole una scelta sostenibile per l’ambiente.

7 motivi per inserirle nella dieta

Alghe commestibili, fonte foto Bigstock
a girl without a face holds in her hands a plate of Japanese salad with chuka, lettuce leaves and sauce close-up.

Dall’eccellente profilo nutrizionale ai numerosi benefici per la salute, sono numerose le ragioni per le quali sarebbe consigliabile inserire le alghe nella propria dieta. Scopriamone sette importanti.

  1. Ricche di vitamine e minerali – Le alghe offrono un’ampia gamma di vitamine essenziali, tra cui A, C, E e K, insieme a minerali come calcio, magnesio, ferro e iodio. Questi nutrienti sono cruciali per il benessere generale del corpo. Integrare regolarmente le alghe nella dieta può aiutare a prevenire carenze e a promuovere la salute complessiva.
  2. Fonte di antiossidanti protettivi – Le alghe sono ricche di antiossidanti, che proteggono le cellule dai danni causati dai radicali liberi, contribuendo così a ridurre il rischio di malattie croniche e invecchiamento. Questi composti aiutano a diminuire l’infiammazione, sostenendo la salute cellulare e proteggendo dai danni ossidativi.
  3. Benefiche per la salute intestinale – Questo alimento è una fonte di fibre prebiotiche, che supportano la crescita di batteri benefici nell’intestino. Questi batteri sono essenziali per una buona salute digestiva e per mantenere l’equilibrio del microbiota intestinale. Le fibre delle alghe aiutano anche a regolare la glicemia, aumentare il senso di sazietà e promuovere la regolarità intestinale.
  4. Supporto alla tiroide – Le alghe sono tra le migliori fonti alimentari di iodio, necessario per la salute della tiroide. La tiroide regola il metabolismo e la crescita, e una carenza di iodio può causare ipotiroidismo. L’assunzione regolare di alghe può quindi supportare la funzione tiroidea, ma è importante consumarle con moderazione per evitare eccessi di iodio.
  5. Sostegno al sistema immunitario – Grazie a una vasta gamma di nutrienti, le alghe contribuiscono a rafforzare il sistema immunitario. Vitamine, minerali e antiossidanti lavorano insieme per proteggere il corpo da infezioni e malattie.
  6. Diminuiscono il rischio di malattie cardiache – Grazie alla presenza di acidi grassi omega-3, fibre, minerali e antiossidanti, le alghe possono aiutare a ridurre il rischio di malattie cardiache. Gli omega-3, in particolare, offrono benefici al sistema cardiovascolare, riducendo l’infiammazione e migliorando la salute del cuore.
  7. Favoriscono la perdita di peso – Le alghe giocano un ruolo importante nel controllo del peso, poiché aiutano a prolungare il senso di sazietà e riducono l’assorbimento dei grassi. Le fibre presenti in esse aumentano la sensazione di pienezza, contribuendo a ridurre l’assunzione complessiva di calorie. Alcune ricerche indicano che i composti delle alghe possono anche limitare l’assorbimento dei grassi, supportando ulteriormente la perdita di peso. Integrare le alghe nella dieta può quindi essere utile per chi desidera dimagrire in modo sano e sostenibile.

Come inserirle nella propria dieta quotidiana

Insalata di alghe wakame, fonte foto BigStock
Insalata di alghe wakame, fonte foto BigStock

Con le loro diecimila specie, le alghe rappresentano un superfood in grado di riflettere una grande diversità, sia nel sapore che sul piano nutrizionale.

Tra le alghe più popolari troviamo la nori, utilizzata principalmente per avvolgere il sushi, la kombu, essenziale nel brodo dashi, e l’alga wakame, ideale per insalate. Meno conosciute, ma altrettanto interessanti, sono il dulse, l’arame, la kelp e la spirulina.

ACQUISTA SPIRULINA ORGANICA SU 21BITES

Ma come introdurle nella dieta quotidiana? Integrare le alghe nella nostra alimentazione può sembrare complesso, specialmente per chi non è abituato a questi sapori marini. Tuttavia, esistono modi creativi per incorporarle nella cucina italiana e sfruttare i loro benefici nutrizionali.

Un metodo semplice ma efficace è aggiungere alghe in polvere o in scaglie a piatti comuni come insalate, zuppe, stufati e persino frullati. Ad esempio, la nori è perfetta per preparare involtini di verdure o per dare un tocco unico a popcorn e patatine. La kombu può arricchire i brodi, mentre il wakame si sposa bene con insalate e piatti di pasta.

Il segreto, tuttavia, è sempre sperimentare le diverse tipologie di alghe e tecniche culinarie, rendendo così questo superfood più accessibile e gradito nella vostra dieta.

Ti è piaciuto l'articolo?
[5/5]
Alimenti del 21° secolo
Partecipa alla discussione

Seguici su Twitter!